Sazi da morire. Malattie dell’abbondanza e necessità della fatica

14,50

Autore: Claudio Risè
Editore: San Paolo Edizioni
Collana: Psiche e società
Data di prima pubblicazione: 8 marzo 2016
Pagine: 176

Disponibile su ordinazione

Descrizione

Piacere, Ricchezza e Immagine: ecco la trinità di questo nuovo millennio venerata dall’uomo occidentale che, chiuso in un ego ipertrofico e disperato, incapace di trasmettere nulla se non la cultura dell’eccesso, è caduto in uno stato di profonda catatonia. Claudio Risé, psicoterapeuta e psicoanalista tra i più noti in Italia, presenta una lettura critica e puntuale della crisi di valori in cui si trova l’intero Occidente, un vicolo cieco da cui sarà difficile uscire se non si interverrà in tempo. Troppi soldi, troppo cibo, troppi zuccheri, troppi grassi, troppe droghe. Un bisogno di essere riempiti di materie adulterate e avvelenanti, di evitare la fatica fisica consegnandosi così alla sedentarietà. Poggiati su macchine: in automobile, in aereo, sul tapis roulant in palestra, ma mai camminando, coi piedi sulla terra. Guardando alla vita come divertimento, gratificazione, rassicurazione permanente, l’uomo occidentale muore di una morte lenta. Per salvarsi l’unica possibilità è riscoprire il valore del limite, l’oscenità dell’eccesso, la profondità educativa delle necessità, del riconoscere la realtà, nella sua verità e meraviglia, a partire dalle piccole cose di ogni giorno.

Informazioni aggiuntive

Peso 80 g

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Sazi da morire. Malattie dell’abbondanza e necessità della fatica”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *