I tre misteri della morte di padre Pio

14,50

Autore: Stefano Campanella
Editore: San Paolo Edizioni
Data di prima pubblicazione: Marzo 2018
Pagine: 190

Dall’autorevole penna di Stefano Campanella, uno dei maggiori studiosi della vita e del pensiero di Padre Pio e delle testimonianze su di lui, un libro che – a cinquant’anni dalla morte del Frate di Pietrelcina – affronta i grandi misteri legati ai giorni della sua dipartita: la precognizione che egli ebbe della propria morte; la misteriosa presenza di colei che egli aveva ribattezzato “Iacopa” al suo capezzale; la scomparsa delle stimmate.

Disponibile (ordinabile)

Descrizione

Dall’autorevole penna di Stefano Campanella, uno dei maggiori studiosi della vita e del pensiero di Padre Pio e delle testimonianze su di lui, un libro che – a cinquant’anni dalla morte del Frate di Pietrelcina – affronta i grandi misteri legati ai giorni della sua dipartita: la precognizione che egli ebbe della propria morte; la misteriosa presenza di colei che egli aveva ribattezzato “Iacopa” al suo capezzale; la scomparsa delle stimmate… e altro ancora: come per esempio, una lucida e attenta analisi della famosa “profezia- riguardante il Pontificato di Karol Wojtyla. L’autore ci conduce, attraverso la rilettura delle testimonianze (alcune delle quali ancora inedite e riportate in appendice al volume) in un’indagine per nulla fine a se stessa e in nessun modo “miracolistica-, alle soglie dell’esperienza straordinaria che ha reso Padre Pio un testimone unico di Cristo, anche nella propria carne. Il lettore troverà, infine, un capitolo che offre un nuovo spunto di interpretazione nei riguardi del complesso rapporto che il santo Cappuccino ebbe con il tema della morte: da un lato desiderata per “essere con Dio”, mentre dall’altro egli si sentiva chiamato a restare nel mondo come testimone di quello stesso amore donato sulla croce per gli uomini.