Quel brigante di Gesù. Come salvarsi la vita morendo su una croce

18,00

Autore: Alfonso detto Tartufone
Editore: San Paolo Edizioni
Collana: Parole per lo spirito
Pagine: 216
Rilegatura: Brossura (Copertina flessibile)
Data di prima pubblicazione: 09 aprile 2020
Lingua: Italiano

Disponibilità incerta - Questo oggetto richiede più tempo per essere spedito

Descrizione

«Puoi prendere anche le batoste dalla vita, subire pure tutte le ingiustizie di questo mondo ed entrare in crisi, chiuderti in te stesso, isolarti, stare nella rabbia e con la morte addosso, ma a un certo punto l’amore eterno di Cristo morto e risorto, che in te è presenza viva, ti farà sentire la nostalgia di un’autenticità non vissuta che ti chiede la carità di manifestarsi perché ti vuole far star bene». Così frate Alfonso, nell’Introduzione, ci presenta il grande tema di questo libro che altro non è che il cammino, dietro le tracce di quel Gesù che per molti fu un brigante, al punto che gli fecero fare la fine del brigante, ma che dalla sua fine “maledetta” ci ha aperto un mondo possibile. Con la gentilezza, l’ironia e la profondità che lo caratterizzano, frate Alfonso conferma, in queste pagine, di saper entrare nel mistero dei Vangeli, nel centro della vita di Cristo, portando il mistero presso l’uscio delle case dove vivono le anime semplici e in ricerca. Magicamente, grazie al suo modo insieme leggero e intenso di affrontare i temi sensibili della pagina biblica succede che, nell’ascolto della Parola e in mezzo ai sorrisi, nella stanza di ciascun lettore, inizia a entrare luce, vien voglia di spolverare, di mettere a posto, di aprire le finestre e di ricominciare.

Informazioni aggiuntive

Autore

Alfonso detto Tartufone

Editore

Collana

Pagine

216

Rilegatura

Brossura (Copertina flessibile)

Pubblicazione

09 aprile 2020

Lingua

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Quel brigante di Gesù. Come salvarsi la vita morendo su una croce”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *